epilogo

E mi viene solo da aggiungere qualcosa. Qualcosa che prima di giudicare induca a ricordare. Ricordare che siamo essere umani e non scimmie.. qualunque cosa significhi. Ricordare che un essere umano AMA.. e quando AMA come amo io, poi non resta rancore, non resta odio, non restano ripicche o vendette. Quando ama davvero poi rimane ancora solo amore.. come se non ce ne fosse stato già … Continua a leggere

Un fatiscente negozio di giocattoli.

  “Mille orsacchiotti di pezza con il sorriso cucito all’ingiù, chiusi in mille negozi dell’usato dove incontrano altri giocattoli rovinati e imparano che essere diversi è ciò che rende tutti un po’ speciali.”   Proprio così tutti speciali.   Peccato che negli ultimi tempi l’unico a sembrarmi speciale eri tu e io, intanto, mi sentivo sempre meno speciale di tutte.   … Continua a leggere

attriti emozionali

Stamattina apro gli occhi e penso che le mie lenzuola hanno un odore buonissimo. Chissà che detersivo è.   Poi le sposto e mi guardo. Guardo il mio corpo e lo trovo bellissimo. E’ proprio vero che bisogna fare sport.   Accarezzo la mia pelle baciata dal sole e mi accorgo che ultimamente è morbidissima. Un vero peccato che non … Continua a leggere

Io non so chi sono ma tu devi essere un mago.

Secondo il giudizio dei suoi insegnanti dell’Accademia, Egon Schiele di certo non era un allievo magistrale. Ora è considerato uno dei più grandi pittori di inizio 900, dotato di un talento raro nella storia della creazione artistica. Fatto sta che il suo profitto scolastico consisteva, quasi senza eccezioni, in un giudizio di appena sufficiente. Non ci sono dubbi a riguardo … Continua a leggere

..e mi ero scordata MUTA.

Io funziono come la facciata dell’ Istituto del Mondo Arabo a Parigi. Per chi non lo sapesse l’edificio di Jean Nouvel è famoso proprio per il suo prospetto che è composto da una complessa struttura di 24.000 componenti suddivisi in 240 pannelli che fanno da finestratura. La cosa interessante però è che questi pannelli sono regolati da un meccanismo, in … Continua a leggere

CIECA E SORDA

O stai dalla parte di Lorenzo Bernini o da quella di Francesco Borromini. Sono entrambi degni di stima ma una preferenza bisogna averla per forza. Io, per esempio, l’ho capito subito che prediligevo Francesco. L’avrei preferito anche se non fosse stato considerato pazzo. Anche se non fosse morto suicida. Si dice che la sua architettura è tutta “alla rovescia”, che … Continua a leggere

“Make it as simple as it can be”

L’uomo ha cinque sensi. Cinque sensi che dovrebbero permettergli di capire tutto. La vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto. Ricordo un libro che li paragonava a cinque finestre. Nel senso che siamo un corpo chiuso con cinque aperture verso l’esterno. Aperture tramite le quali osserviamo il mondo e interagiamo con esso. La realtà è che in effetti queste … Continua a leggere

Quella che non sono.

Era tutta la mattina che avevo voglia di cappuccino. Cappuccino quello vero, quello senza cacao sopra. Così entro in un bar e lo prendo. La signora accanto a me parla con un’amica e si lamenta. Si lamenta che l’amore per sempre non esiste, che la sua storia dopo 30 anni è finita. Allora mi riviene in mente mia nonna.. che me … Continua a leggere